Corretta gestione delle teglie di ferro blu

Si fa presto a dire pizza in teglia!

Una volta la facevo, ma ora ho capito che facevo un sacco di ‘errori’ e che correggendoli il risultato ne guadagna e molto!

Innanzitutto la teglia: non e’ consigliabile usare la leccarda del forno perche’ e’ troppo spessa e non condurrebbe bene il calore; non sono particolarmente consigliabili nemmeno le teglie di alluminio (attenzione hanno un limite di calore non molto elevato e dovrete stare al di sotto di tale soglia).

La teglia veramente consigliabile e’ la teglia di ferro blu, e’ una teglia che vendono nei negozi di casalinghi ben forniti oppure on line.

Queste teglie vanno trattate prima di usarle, e poi non vanno lavate in acqua (arrugginiscono).

Vanno lavate solo la prima volta e immediatamente asciugate in forno.

Poi vanno raffreddate, passate con poco olio di semi con un pezzo di carta da cucina e infornate a 220° C fino al ‘punto fumo’ ossia finche’ iniziano a fumare.

Vanno estratte subito (tenete indietro la testa o vi affumicate), ripulite con carta pulita dell’olio in essesso, ripassate con poco olio e ripetete.

Il tutto 3 volte: se avrete fatto un buon lavoro la teglia sara’ uniformemente trattata; bastera’ tenerla oliata anche fra un uso e l’altro.

Ho fatto lo stesso trattamento anche allo stampo a serrandina per il pan carre’ e ora funziona benissimo!

10639587_767268523333913_5628257460498238740_n

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.