Privacy Policy

Panini Soffiati

L’8 settembre a Vicenza e’ festa, e percio’ ero a casa.

Mi sono ritrovata in cucina a sistemare un po’ di caos 😀 e quasi per caso accendendo la tv mi sono fermata su rai due sul programma Detto Fatto perche’ ho visto un giovane chef e mi sono incuriosita.

Annunciano la ricetta ‘Panini soffiati’ di Paolo Griffa.

E chi se li fa scappare? Prendo l’immancabile quadernetto e prendo nota.

Lui ha detto:

  • farina tipo 1 240 g
  • latte 140 g
  • lievito di birra 5 g
  • sale 6 g

Io ovviamente invece ho fatto

  • farina tipo 1 (Uniqua blu Dallagiovanna) 206 g
  • latte 123 g
  • Pasta Madre 50 g
  • sale 6 g

Ho impastato in planetaria pasta madre e latte, poi farina e sale.

Ho fatto palline da 40 grammi, piegando l’impasto verso il centro (pieghe a margherita).

Lui diceva di impastare la sera e mettere in frigo fino al giorno dopo, io invece ho deciso in giornata cosi’ ho impastato alle 8, in frigo fino a 12.00, poi alle 19.00.

Ho voluto farli nel forno di casa, l’ho acceso al massimo e messo dentro la leccarda del forno girata al contrario cosi’ da avere un bel piano da utilizzare per cucinare.

Quando ha passato i 250°C (li ho misurati col pirometro, se non ce l’avete scaldate almeno 30-40′) ho steso sottili con il mattarello le palline di impasto e poi li ho messi in forno (3-4 alla  volta).

Si sono subito gonfiati ero contentissima!

Qualche minuto e li ho estratti, mettendoli sulla griglia a raffreddare.

All’inizio sono morbidi, dopo qualche minuto si ‘seccano’ e per imbottirli dovrete romperli!

panini soffiati

Che dire?

Se fatti con attenzione vengono benissimo, la ricetta e’ semplice ma di grandissimo effetto!

Allora grazie a Detto Fatto e allo chef Paolo Griffa!

 

Tagged: , , ,

Comments: 2

  1. donatella 10 settembre 2015 at 15:01 Reply

    Cosa sono le pieghe aargherita?ciao grazie

    • Chiara&Tuorlo 10 settembre 2015 at 21:22 Reply

      si chiamano anche pieghe di tipo 1: si prende la pasta dall’esterno e la si ripiega al centro. Serve a dare forza e verticalita’ nella lievitazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *