Panuozzo napoletano con Pasta Madre

In questi giorni sul forum de La Confraternita della Pizza impazza il Panuozzo napoletano, il mio amico Francesco ha provato a farlo con la Pasta Madre e io l’ho copiato.

E quindo eccovi il mio panuozzo vicentin-napoletano 😀

Ingredienti:

  • Farina per pizza (io Rieper gialla) 1 kg
  • Acqua fredda 700 grammi
  • Pasta Madre rinfrescata 220 grammi
  • sale 30 grammi
  • germe di grano (io Molino Chiavazza) 25 grammi
  • Strutto 25 grammi
  • Malto in polvere 10 grammi

Ho sciolto nell planetaria la pasta madre nell’acqua, poi ho aggiunto tutto il resto tenendo il sale e lo strutto per ultimi.

Ho fatto una serie di pieghe all’impasto direttamente sul tagliere di legno, facendo una pausa di un’oretta fra una e l’altra.

Ho lasciato puntare per 3 ore, poi ho pesato dei panielli del peso di 240-250 grammi e li ho arrotondati come se servissero per le pizze, li ho messi nella cassetta a lievitare per 5 ore circa.

Per la cottura ho scaldato la refrattaria a 240 gradi per 30 minuti circa (ho misurato con il pirometro era calda a 270° C), ho quindi preso i panielli li ho stesi allungandoli e li ho infornati a due a due sulla refrattaria.

In 10-15 minuti di cottura si sono gonfiati tantissimo e direi che sono riusciti proprio bene!

In these days on the forum La Confraternita della Pizza the  ‘Panuozzo Neapolitan’ is fashionable, my friend Francesco tried to do it with sourdough and I copied him!

And here’s my ‘panuozzo’

ingredients:

Flour for pizza 1 kg
Cold water 700 grams
Pasta Mother 220 grams
salt 30 grams
wheat germ 25 grams
Lard 25 grams
Malt powder 10 grams

I dissolved with planetary sourdough in the water, then I added all the rest, taking the salt and lard last.

Then I did a series of folds the dough directly on the wooden cutting board, making a break of one hour between one and the other.

I left to aim for 3 hours, then I weighed the ‘panielli’ weight of 240-250 grams and I’ve rounded as if they were for the pizzas, I put them in the box to rise for about 5 hours.

For cooking I heated the refractory at 240 degrees for about 30 minutes (I measured with the pyrometer was hot to 270 ° C), so I took them panielli I hung out by stretching and I cooked them two by two on the firewall.

In 10-15 minutes of cooking swelled so much and I would say that they managed just fine!

1

2

3

Vanno poi tagliati e farciti a scelta, e poi magari passati nella piastra dei panini 😛

Tagged: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *