Privacy Policy

Biscotti doppi al cioccolato

biscotti-doppi-al-cioccolato_2

Questo Natale mi sono lanciata sui biscotti, eh che vi devo dire quest’anno mi va cosi’!

Ho preso una rivista favolosa ‘Biscotti per il periodo natalizio’ che ho inaugurato con questi pasticcini favolosi.

Il giorno dopo forse sono ancora piu’ buoni che appena fatti!

Ho calato leggermente il burro e modificato gli aromi.

Ingredienti:

  • farina per dolci 210 g
  • cacao amaro in polvere 15 g
  • zucchero a velo 7 g
  • aromi (vaniglia o a piacere)
  • sale un pizzico
  • 1 tuorlo
  • burro 125 g
  • per farcire: confettura di albicocche

Ho messo tutto in planetaria con la frusta K e piano piano ho impastato bene.

Se fate a mano siate veloci per non scaldare troppo il burro.

Ho quindi messo l’impasto un’ora in frigo.

Poi ho steso piuttosto sottile (3 mm circa) e ho tagliato i biscotti con la formina intera e con quella con il foro centrale.

biscotti-doppi-al-cioccolato

Ho cotto in forno gia’ caldo (io nell’f1 ma il forno di casa andra’ benissimo) a 180°C per 10′.

Al momento di sfornarli saranno morbidi, ma non preoccupatevi sono cotti, fate solo attenzione a non romperli.

biscotti-doppi-al-cioccolato_1

Quindi ho spolverizzato i biscotti con il foro con dello zucchero a velo, ho mescolato la confettura con un cucchiaino e messo una punta al centro del biscotto pieno, sovrapponendo il forato.

biscotti-doppi-al-cioccolato_2

 

Frittelle con gli avanzi della polenta

frittelle-di-polenta_1

Sono veneta ma non amo la polenta e non la faccio mai! Lo ammetto!

Oggi ho pensato di prepararla, ma ovviamente ne ho fatta troppa perche’ quando butti nell’acqua quella polverina ti pare sia nulla e poi ti trovi con un pentolone di polenta!

Allora ho riciclato gli avanzi e ne sono uscite queste splendide frittelle, che sono state apprezzatissime!

La ricetta e’ stata improvvisata ma si e’ rivelata perfetta, un altro vantaggio e’ che non serve la bilancia 🙂 eccola:

  • polenta avanzata (bianca o gialla che sia) 500 g
  • uova intere 3
  • zucchero 7 cucchiai
  • sale due pizzichi
  • vaniglia
  • limone bio un po’ di scorza grattuggiata
  • uvetta (lavata, ammollata in acqua tiepida, strizzata) una manciata
  • una mela tagliata a cubetti
  • farina per dolci 2 bicchieri
  • latte 1/2 bicchiere
  • lievito per dolci una bustina

Ho messo tutto (tranne uvetta e mela) in un contenitore alto e frullato col frullatore ad immersione, poi aggiunto anche gli ultimi due ingredienti e mescolato con un cucchiaio.

Ho quindi fritto in olio profondo (ho usato l’arachidi) prendendo l’impasto a cucchiaiate (ogni frittella e’ poco piu’ di mezzo cucchiaio).

L’impasto era ben fatto, tanto che le frittelle si giravano da sole.

Una spolverata di zucchero a velo e via!

frittelle-di-polenta_1

frittelle-di-polenta_2

Pane antico delle mondine della Lomellina

pane-antico-delle-mondine_4

E’ un pane della tradizione recuperato dal mio amico Charlie!

Ha riscoperto un pane straordinario, di facile esecuzione, rapida, che onestamente ha entusiasmato tutta la famiglia!!!

La ricetta e’ inserita nell’Impastiamo Tutti Assieme di questa settimana ne La Confraternita della Pizza, link QUI per tutte le discussioni del caso.

Qui mi limito a dirvi come l’ho fatto io 🙂

Ingredienti:

  • farina Polselli Ideale 275 g
  • farina Dallagiovanna La Napoletana 275 g (oppure potete usare solo farina con W 300, ma io non l’avevo)
  • farina di riso 150 g
  • Pasta Madre (io esubero) 200 grammi
  • acqua di cottura del riso (raffreddata) 190 g
  • acqua 190 g
  • riso Originario (o Arborio o Carnaroli) stracotto (lessato in acqua non salata) 28 g
  • zucchero 1 cucchiaino
  • olio extravergine di oliva 1 cucchiaio
  • sale 12 g

Io ho messo le acque e la Pasta madre in planetaria, poi sale e olio, riso, e piano le farine.

Ho impastato facilmente con il gancio.

Poi ho messo sul piano e lasciato puntare coperto a campana per 90′.

Poi ho fatto 3 pieghe distanziate di 30′ l’una dall’altra.

alla fine ho messo a lievitare nel cestino da lievitazione.

Quando l’ho visto gonfio (raddoppiato) ho scaldato il forno a 200°C con dentro la refrattaria.

(in pratica ho impastato in tarda mattinata, e cotto nel tardo pomeriggio).

Ho quindi rovesciato sulla refrattaria e fatto i tagli, e cotto sulla pietra per 13′.

In realta’ e’ esploso e i tagli si sono dimostrati insufficienti ma e’ venuto bellissimo <3

Trascorsi i 13′ l’ho alzato con la pala e tolta la refrattaria, posandolo sulla griglia e cotto per altri 35′ coprendo verso la fine per tenere un colore chiaro e non fare troppa crosta che a casa mia non viene apprezzata.

Alla fine della cottura ho lasciato intiepidire nel forno socchiuso.

Risultato: una pagnottona bellissima, adattissima ad essere spalmata con la marmellata ma anche per fare splendide bruschette!

Grazie Charlie 🙂

pane-antico-delle-mondine_1

pane-antico-delle-mondine_2

pane-antico-delle-mondine_3

pane-antico-delle-mondine_4

pane-antico-delle-mondine_5

 

Focaccia zucchine e gorgonzola

focaccia-al-gorgonzola_3

Che io abbia un debole per il gorgonzola e’ cosa risaputa ghghghg

Ho trovato questa focaccia su Pinterest qua.

Ovviamente rivista e rivisitata per la mia Pasta Madre.

Mi piaceva molto l’idea di provare un impasto con la verdura all’interno, poi l’abbinamento con la farina ai cereali (che infatti ho aumentato)………

Alla fine ho usato:

  • Farina (Polselli verde) 100 grammi (+ due tre cucchiai se servono)
  • Farina ai cereali 300 g
  • Pasta Madre 130 g
  • Olio extravergine di Oliva 4 cucchiai
  • acqua 230 g circa
  • sale due cucchiaini
  • cipolla 1
  • gorgonzola (io Igor) 60 g
  • zucchina piccola 1
  • rosmarino
  • Fleur de Sel

Prima di tutto bisogna far saltare le verdure in padella con poco olio, devono essere tagliate sottili.

Quindi ho messo la Pasta Madre nell’acqua a sciogliere un po’ girando piano con la K in planetaria.

Ho quindi aggiunto la farina e il sale, e ho incordato con l’olio a filo.

Ho messo quindi le verdure e cercato di riportare in incordatura, ma era appiccicoso e cosi’ ho aggiunto poca farina.

Appena giunto alla consistenza giusta e’ tornata la corda!

Ho messo a lievitare in contenitore chiuso.

Una volta raddoppiato ho steso, un filo di olio, il gorgonzola a pezzetti, rosmarino

focaccia-al-gorgonzola_1

Quindi cotto nel p134h gia’ caldo a 200°C per 20′ (girandola a meta’ cottura).

Fleur de Sal in uscita.

focaccia-al-gorgonzola_3

focaccia-al-gorgonzola_2

Devo dire che avevo ospiti, e ho raccolto pareri entusiasti!

E’ piaciuta moltissimo anche a me!

 

 

 

Torta di mele a sentimento

torta-di-mele-a-sentimento_3

Il nome di questa torta mi e’ spuntato dal cuore!

Non so a voi ma ci sono alcuni ingredienti in cucina che ti scaldano il cuore, ti ispirano tanti bei pensieri… insomma ti infondono quella sensazione di pace e benessere di cui abbiamo sempre tanto bisogno.

A me questa sensazione (cioccolato a parte, ma quello agisce piu’ sulla gola) me la danno i dolci con le mele.

Tutti noi ricordiamo le torte con le mele che mangiavamo da bambini, era la classica torta da fare quando faceva freddo.

Ovviamente le ricette sono un’infinita’, questa l’ho fatta appunto ‘a sentimento’ e il risultato e’ stato decisamente al di sopra delle mie aspettative.

Fortunatamente mi sono segnata gli ingredienti:

  • 4 mele (gialle o rosse)
  • succo di mezzo limone
  • burro sciolto e intiepidito 100 g
  • 3 uova
  • zucchero semolato 150 g
  • sale un pizzico
  • uvetta 100 g
  • latte 200 g
  • farina con lievito 300
  • se volete cannella in polvere

Ho tagliato le mele a fette sottili e bagnate col limone.

Con le fruste elettriche ho montato uova e zucchero, poi aggiunto tutto il resto e l’uvetta alla fine (ricordate di lavarla, ammollarla e asciugarla).

Ho ottenuto una pastella molto densa che ho versato sulle mele.

torta-di-mele-a-sentimento_1

e ho quindi versato nello stampo a ciambella imburrato e infarinato

torta-di-mele-a-sentimento_2

Ho deciso di cucinarla nell’Estense sul fuoco alto preriscaldato 10′.

Cottura: 10′ fuoco alto, 30′ al minimo.

Se cucinate nel forno di casa metterei 180°C per almeno 35′ (fate la prova stecchino ma ricordate che e’ una torta che rimane umida).

torta-di-mele-a-sentimento_3

torta-di-mele-a-sentimento_4

torta-di-mele-a-sentimento_5

A mio parere mangiata tiepida e’ una torta che ti scalda il cuore!

Plumcake bicolore

plumcake-bicolore_1

Stamattina mi sono svegliata alle 6.

Non troppo presto per tentare di riaddormentarmi, ma non troppo tardi per non preparare qualcosa di buono per colazione!

Mi serviva un dolce buono ma dalla preparazione velocissima!

Ricerca veloce fra i mille post it con cui mi segno le ricette da provare, scelgo questa da I Quaderni di Alice Cucina Plumcake Muffin & Co.

Ricetta ovviamente ritoccata, vi passo direttamente la mia versione (il mio stampo misurava 25×10 cm):

  • farina per dolci 00 180 grammi
  • zucchero semolato 170 g
  • burro sciolto e tiepido 100 g
  • cioccolato fondente 70 g
  • 3 uova
  • latte 50 ml
  • cacao amaro in polvere 2 cucchiai colmi
  • lievito per dolci una bustina
  • sale un pizzico
  • zucchero a velo per decorare
  • burro e farina per preparare lo stampo

Ho acceso il forno a 180°C.

Ho quindi sciolto il burro in microonde e l’ho messo da una parte.

Ho quindi montato in planetaria le uova intere con lo zucchero, andranno benissimo anche le frustine elettriche a mano.

Nel frattempo ho scaldato il latte e sciolto il cioccolato e il cacao.

Quando le uova si presentavano belle gonfie, ho unito farina lievito sale e il burro sciolto.

Ho quindi diviso circa a meta’ l’impasto e ho mescolato ad una parte il preparato al cioccolato (ho unito anche un paio di cucchiai di latte per ammorbidirlo).

Ho quindi imburrato e infarinato lo stampo, e ho versato gli impasti a cucchiaiate, alternandoli.

Alla fine ho dato delle mescolate sommarie con un lungo stuzzicadenti: l’impasto deve risultare non omogeneo ma in fili chiari in mezzo all’impasto scuro.

Ho quindi infornato per 27′ nel forno gia’ caldo (io ho usato il p134h ma qualsiasi forno andra’ bene).

Una volta sfornato, una spolverata di zucchero avelo lo rendera’ bellissimo!

Purtroppo ho tagliato la torta ancora calda le belvette reclamavano la colazione 🙂

Il piccolo all’inizio era scettico per il colore disomogeneo, alla fine alla quarta fetta ha dichiarato lo STOP ahahah

plumcake-bicolore_2

plumcake-bicolore_3

 

Torta Sbrisolona

sbrisolona_1

L’avevamo mangiata la scorsa settimana in montagna, ai bambini era piaciuta molto.

Ho pensato di rifarla, e ho utilizzato (modificandola, ovviamente!) una ricetta trovata al volo fra i file del gruppo fb del maestro Favorito.

Vi scrivo la mia versione 🙂 :

  • farina 00 200 g
  • farina fioretto 140 g
  • farina di mais 60 g
  • burro 200 g
  • zucchero di canna 125 g
  • 3 uova
  • 7 gocce di olio essenziale di limone
  • mandorle pelate (tagliate a pezzi col coltello, qualcuna tenuta intera per decorare sopra) 200 g
  • vaniglia
  • sale un pizzico
  • zucchero a velo in uscita

Ho mescolato velocemente in planetaria, poi ho ‘sbriciolato’ la pasta facendola cadere a pezzetti dentro un anello di tortiera da 26 cm.

Lasciate i pezzetti uno accanto all’altro senza pressarli.

Qui urge una precisazione: se fate come me vi verra’ una versione alta e relativamente morbida.

La sbrisolona tradizionale e’ alta la meta’ e tutta secca, devo dire che pero’ mio marito ha apprezzato di piu’ questa versione morbida della tradizionale.

Percio’ se la volete alta e piu’ morbida fate come me, se la volete classica fatela bassa e vi verranno con queste dosi una torta grande e una piu’ piccola.

Ho quindi coperto con alluminio e cotto nel p134h a 180°C per 30′, poi senza stagnola per altri 20′.

Questa torta va tradizionalmente mangiata a pezzi, se proprio volete le fette tagliate precise dovete tagliarla con un coltello affilato appena sfornata.

Un tocco di zucchero a velo la rendera’ piu’ elegante.

 

sbrisolona_2

sbrisolona_3

sbrisolona_4

 

E i miei golosissimi bambini hanno voluto assaggiarla con la glassa al cioccolato

sbrisolona_5

Glassa veloce al cacao senza burro e panna

glassa_al_cioccolato_1

La settimana scorsa mi e’ capitata fra le mani una confezione di cacao in polvere della Perugina, leggo dietro le ricette (sono tarata, eh) e vedo come fare una glassa al cioccolato usando il cacao in polvere, niente panna, e per di piu’ conservabile in frigorifero.
Ovviamente l’ho provata!

Vi trascrivo gli ingredienti, io ho preferito fare una dose intera e tenere in frigorifero quella avanzata cosi’ l’avro’ gia’ pronta semplicemente scaldandola leggermente al microonde.

Ingredienti:

  • cacao amaro in polvere 75 g
  • zucchero semolato 200 g
  • acqua 120 ml

Ho usato un pentolino per sciogliere il cacao setacciato nell’acqua a fuoco lento, ho aggiunto lo zucchero e tenuto sul fuoco piccolo a fiamma media.

Continuando a mescolare ho portato a ebollizione vivace fino a raggiungere i 105°C (per chi non avesse il termometro, ho misurato l’ebollizione e’ durata 3 minuti).

Ho quindi lasciato intiepidire e l’ho quindi versato e spatolato su una torta.

glassa_al_cioccolato_2

Il rimanente l’ho messo in un vasetto piccolo della Bormioli e via in frigo, nella ricetta e’ indicato che dura alcuni giorni.

Fetta al latte fatta in casa

fetta-al-latte_6

Ho scelto accuratamente la ricetta che come aspetto e ingredienti mi pareva simile all’originale, e devo dire che i bambini (e anche i loro amici visto che ho fatto doppia dose) sono rimasti molto soddisfatti!

Alla fine ho letto qui facendo solo qualche piccola modifica.

Chi ha bambini sa quanto possano essere critici, anzi super critici…

L’unica obiezione fatta da mio figlio piccolo era di girare sottosopra la pasta biscotto cosi’ quando si tiene in mano e’ liscio (ma vi rendete conto? E il bello e’ che aveva pure ragione, mi sono distratta e l’ho girato al contrario ahahahah).

Io avevo tante uova da usare e della panna in scadenza, se vi basta una quantita’ normale dimezzate tutto.

Ingredienti per la pasta biscotto:

  • uova 8
  • zucchero semolato 120 g
  • farina per dolci 60 g
  • cacao amaro in polvere 60 g
  • vaniglia in polvere un pizzico o liquida 4 gocce
  • burro fuso 100 g
  • cremor tartaro mezzo cucchiaino

Per il ripieno:

  • panna fresca 400 g (io avevo due scatoline da 200g)
  • miele millefiori due cucchiaini
  • latte condensato 240 g
  • zucchero a velo 2 cucchiai
  • colla di pesce 8 g
  • latte caldo 4 cucchiai

Procedimento:

Ho messo la gelatina a bagno in acqua fredda.

Ho montato nel kenwood 4 uova intere, due tuorli e lo zucchero semolato (attenzione gli albumi vanno messi da parte per dopo!).

Quando e’ diventato gonfio e spumoso ho aggiunto la farina e il cacao setacciati insieme, poco alla volta e girando il composto mai in senso circolare ma sempre dal basso verso l’alto., e quindi il burro fuso e la vaniglia.

Ho montato  i 4 albumi con il cremor tartaro e li ho uniti con delicatezza al composto.

Quindi ho foderato due teglie basse e rettangolari con della carta forno bagnata e strizzata.

Usate le teglie che avete, io ho fatto poi un collage della pasta biscotto ed e’ andata benissimo!

fetta-al-latte_1

Cercate per quanto possibile di stendere ad uno spessore costante.

La pasta biscotto va cotta per poco tempo a temperature che in pasticceria sono considerate piuttosto alte, percio’ 8′ in forno gia’ caldo a 220°C.

Ho quindi preparato il ripieno: ho sciolto nel latte caldo la gelatina ammorbidita e strizzata, ho montato la panna nella planetaria insieme allo zucchero a velo, quindi poco alla volta ho aggiunto gli altri ingredienti.

Nel frattempo la pasta biscotto sara’ cotta, mettetela a raffreddare e non spaventatevi se risulta morbida: va bene cosi’!

Finche’ si raffredda il ripieno avra’ preso consistenza: spalmatelo su meta’ pasta tenendo conto di averne abbastanza per ricoprirla.

fetta-al-latte_2

Come vi dicevo, non fate come me: girate la pasta sottosopra!

Ho quindi coperto con pellicola e messo in frigo un paio d’ore.

Mantenete comunque sempre in frigo anche dopo.

fetta-al-latte_3

Quindi con un coltellino di ceramica ho iniziato a tagliare le fette.

Eccole!

fetta-al-latte_4

fetta-al-latte_6

fetta-al-latte_5

I miei bambini e i loro amici hanno apprezzato moltissimo percio’ direi test superato alla grande!

 

Schiacciata senza lievito

Ho trovato questa velocissima ricetta su Pinterest cercando le ricette che usassero il Fleur de Sal che ho recentemente comprato in Germania.

Si e’ rivelata una schiacciata saporita e dalla preparazione super rapida.

Il sito che riportava la ricetta era questo.

Io ovviamente ho modificato un po’ e ho impastato a mano e in velocita’:

farina 00 debole (per dolci) 250 g
sale due pizzichi
acqua 120 ml
olio 30 ml

Ho fatto riposare 5′, e nel frattempo ho pelato 3 patate e affettate sottili con la mandolina.
Ho quindi steso a mattarello piuttosto sottile (ha riempito quasi una teglia di ferro blu 30*40) ungendo con olio evo sotto e sopra, ho quindi disposto le patate e ancora olio.
Ho spolverato con timo e via in forno f1, 250 cielo e platea per 25′ girando la teglia a metà tempo (ultimi 3′ direttamente sulla pietra).
Il cielo gli ultimi minuti l’ho spento.

In uscita ho spolverato il fleur de sal

Il responso in famiglia è stato unanime: FANTASTICA!!!!!!!!!!!!!

schiacciata-senza-lievito_1

schiacciata-senza-lievito_2

schiacciata-senza-lievito_3

schiacciata-senza-lievito_4

schiacciata-senza-lievito_5